Ermopoli
L'antica città della conoscenza
  
    
Torna indietro   Ermopoli > Forum > Tempio > Tradizioni Spirituali ed Esoteriche

 
 
Strumenti discussione Cerca in questa discussione
Vecchio 30-04-2010, 11.15.46   #126
stella
Organizza eventi
 
L'avatar di stella
 
Data registrazione: 09-04-2006
Messaggi: 2,233
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Kael Visualizza messaggio
Se alla morte quindi lo Spirito ci lascerà e "polvere eravate e polvere tornerete", con la Realizzazione della Grande Opera questo non sarà più possibile, zolfo e mercurio saranno "Sigillati" insieme per l'eternità, Spirito e Materia una cosa sola...
Quindi immortalità ? oppure risurrezione ? questo punto non mi è molto chiaro......
stella non è connesso  
Vecchio 30-04-2010, 23.51.00   #127
Kael
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di Kael
 
Data registrazione: 06-08-2005
Messaggi: 3,153
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da stella Visualizza messaggio
Quindi immortalità ? oppure risurrezione ? questo punto non mi è molto chiaro......
Entrambe, per arrivare alla prima bisogna passare attraverso la morte iniziatica (e relativa risurrezione)
Kael non è connesso  
Vecchio 14-02-2012, 09.53.54   #128
DragoRosso
Appena giunto/a
 
Data registrazione: 13-02-2012
Messaggi: 3
Predefinito

Salve,
Mi intrufolo nella discussione, spero di portare un contributo interessante, sono stati espressi diversi concetti errati, a mio modo di vedere quindi è difficile inziare un discorso chiarificatore in 2/3 righe, quindi cercherò di essere prolisso.
La natura e le forze cosmiche sono le uniche variabili in gioco, i principi della alchimia sono 3 ( mercurio sale e zolfo ), 4 sono gli elementi (terra, acqua, fuoco, aria), non si può prescindere da questi concetti, che tantomeno sono trascendentali.
La materia prima deve contenere tutti e tre i pricipi ed essere preparata attraverso i 4 elementi ( 7 numero alchemico perfetto ).
La materia prima è rara, ricordate che l'ermetismo alchemico e le "guide" lasciate dai saggi sono piene di insidie, contrari, omissioni, talvolta il mercurio è realmente il mercurio, talvolta lo zolfo è realmente lo zolfo....
Le vie alchemiche sono 4, la via umida, quella secca, quella mista, e quella breve.
Le vie alchemiche si distinguono per diversi aspetti, la durata è ininfluente, contano le diverse temperature di lavoro ( esempio via secca anche 1200 gradi celsius, nella via breve al massimo si arriva a 400 gradi ).
Ho potuto osservare il lavoro di un paio di artisti viventi, essi operano secondo metodologie arcaiche pur utilizzando strumenti moderni, io stesso sperimento usando il pyrex, l'alluminio e l'acciaio ( strumenti du lavoro ) e non materiali.
L'ultima indicazione che vi posso lasciare, è riferita alle materie prime necessarie per il conseguimento dell'opera, nella via umida il drago rosso costituisce una unione barbara e profana dei 3 principi, possiamo identificarlo serenamente nel cinabro, che però deve essere stato raccolto e scelto dall'artista ( l'artista è l'athanor ), nella via secca il drago nero, identificabile con la stibnite ( antimonite ),
Per quanto concerne l'artista, esso deve essere capace di distaccarsi il più possibile dall'opera ( vedi meccanica quantistica e rapporto con l'osservatore ), potrei affermare che l'artista "deve essere come l'ombra a mezzogiorno", l'artista sà come operare perchè sperimenta, ma lo fà con il cuore, la coscienza, la conoscienza, seguendo i ritmi naturali, la collocazione planetaria e cosmica.
Saluti
DragoRosso non è connesso  
Vecchio 14-02-2012, 11.16.29   #129
luke
Organizza eventi
 
L'avatar di luke
 
Data registrazione: 27-03-2009
Messaggi: 2,273
Predefinito

Ehm perchè la materia prima è la stibnite?
E' vero che qua e la si parla di stiibna, antimonio, ma non credo ci si riferisca a quelli "volgari", troppo facile sarebbe....
Poi dici che l'artista deve staccarsi dall'opera, ma non dovrebbe essere il contrario, cioè riuscire a entrare in consonanza, convibrando quasi con ciò che avviene dentro al forno?
Magari le stesse identiche operazioni producono effetti diversi a seconda che a compierle sia io o un vero Alchimista...
__________________
in tenebris lux factus sum

Ultima modifica di luke : 14-02-2012 alle ore 11.30.04.
luke non è connesso  
Vecchio 14-02-2012, 16.59.25   #130
DragoRosso
Appena giunto/a
 
Data registrazione: 13-02-2012
Messaggi: 3
Predefinito

Salve Luke,
Posso confermare che si tratta di Stibnite, per quanto concerne L'Artista la mia considerazione era relativa alla trasformazione della materia prima, ovvero, la scintilla divina è dentro l'Alchimista ( cabala ) che cuoce nel suo Athanor ( ventre ) la mistura filosofica, mentre l'opera fisica avviene nell'Athanor fisico.
Il distacco fisico è inevitabile, la presenza fisica dell'artista inficia nel raggiungimento dell'opera, e gli Alchimisti conoscevano benissimo questo principio.
Aggiungo che nelle varie fasi di lavorazione, i saggi ci indicano diversi livelli di progresso, attraverso il colore della sostanza filosofica, nigredo ( putrefazio, la morte dell'ermafrodito cioè sole-luna, zolfo-mercurio, albedo, rubedo).
Si noti che non è possibile stabilire la colorazione nella via secca, in quanto tutte le operazioni vengono effettuate in crogioli, pignatte chiuse e non trasparenti, ciò nonostante, l'Artista è in grado di sapere esattamente in che fase interrompere un processo.
Consiglierei a chi si interessa di Alchimia di focalizzare l'attenzione sul fuoco filosofico del processo di formazione dell'opera, il sale ( o i sali ), ho letto nel thread diversi interventi al riguardo, ma ho notato che non si ha la minima idea di come trattare l'argomento.
L'urina, come altre materie "estranee" alla materia prima essenziale, hanno un curioso metodo di preparazione, nessun alchimista sarebbe in grado di preparare il materiale in modo adeguato se non fosse preparato in spagyria.
Ad ogni modo stiamo parlando di "magia" e non di chimica, ciò che avviene nella "bolla" (cornuta) o nel "crogiolo" dell'Alchimista, è un fenomeno non riproducibile con metodi scientifici tradizionali.
Saluti
DragoRosso non è connesso  
Vecchio 14-02-2012, 17.56.49   #131
luke
Organizza eventi
 
L'avatar di luke
 
Data registrazione: 27-03-2009
Messaggi: 2,273
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da DragoRosso Visualizza messaggio
Salve Luke,
Posso confermare che si tratta di Stibnite, per quanto concerne L'Artista la mia considerazione era relativa alla trasformazione della materia prima, ovvero, la scintilla divina è dentro l'Alchimista ( cabala ) che cuoce nel suo Athanor ( ventre ) la mistura filosofica, mentre l'opera fisica avviene nell'Athanor fisico.
Il distacco fisico è inevitabile, la presenza fisica dell'artista inficia nel raggiungimento dell'opera, e gli Alchimisti conoscevano benissimo questo principio.
Aggiungo che nelle varie fasi di lavorazione, i saggi ci indicano diversi livelli di progresso, attraverso il colore della sostanza filosofica, nigredo ( putrefazio, la morte dell'ermafrodito cioè sole-luna, zolfo-mercurio, albedo, rubedo).
Si noti che non è possibile stabilire la colorazione nella via secca, in quanto tutte le operazioni vengono effettuate in crogioli, pignatte chiuse e non trasparenti, ciò nonostante, l'Artista è in grado di sapere esattamente in che fase interrompere un processo.
Consiglierei a chi si interessa di Alchimia di focalizzare l'attenzione sul fuoco filosofico del processo di formazione dell'opera, il sale ( o i sali ), ho letto nel thread diversi interventi al riguardo, ma ho notato che non si ha la minima idea di come trattare l'argomento.
L'urina, come altre materie "estranee" alla materia prima essenziale, hanno un curioso metodo di preparazione, nessun alchimista sarebbe in grado di preparare il materiale in modo adeguato se non fosse preparato in spagyria.
Ad ogni modo stiamo parlando di "magia" e non di chimica, ciò che avviene nella "bolla" (cornuta) o nel "crogiolo" dell'Alchimista, è un fenomeno non riproducibile con metodi scientifici tradizionali.
Saluti
Ho capito che pensi sia stibnite, non ho capito perchè però....
Se la mistura filosofica avvenisse solo dentro l'artista, a che servirebbe l'opera fisica nel forno? mi sembrerebbe una perdita di tempo....

Sulla materia prima esiste già un 3d, si può continuare là. Io , da profano, mi ero fatto l'idea che non si trattasse di un solo materiale da utilizzare ma di un miscuglio di più materiali adeguatamente preparati.
Sicuramente ciò che avviene nell'alchimista e nel forno non risponde a leggi scientifiche riproducibili in serie.
__________________
in tenebris lux factus sum
luke non è connesso  
Vecchio 14-02-2012, 18.31.15   #132
DragoRosso
Appena giunto/a
 
Data registrazione: 13-02-2012
Messaggi: 3
Predefinito

La cosa avviene all'unisono, in contemporanea, dentro l'artista e nel forno, non è scindibile.
Non è che io pensi, sono certo, non conosco la via secca e non l'ho mai praticata, questo per la pericolosità delle sostanze che si vengono a formare, e per l'altissima probabilità di detonazioni.
DragoRosso non è connesso  
 


Strumenti discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata

Regole di scrittura
Tu non puoi inserire nuovi messaggi
Tu non puoi rispondere ai messaggi
Tu non puoi inviare files
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice vB è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato
Vai al forum


Tutti gli orari sono GMT +2. Adesso sono le 12.57.19.




Powered by vBulletin Copyright ©2000 - 2024, Jelsoft Enterprises Ltd.
Questo sito non è, nè può ritenersi assimilabile ad una testata giornalistica, viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità del materiale. Pertanto, non è un prodotto editoriale sottoposto alla disciplina della l. n. 62 del 2001. Il materiale pubblicato è sotto la responsabilità dei rispettivi autori, tutti i diritti sono di Ermopoli.it che incoraggia la diffusione dei contenuti, purchè siano rispettati i seguenti principi: sia citata la fonte, non sia alterato il contenuto e non siano usati a scopo di lucro. P.iva 02268700271