Ermopoli
L'antica città della conoscenza
  
    
Torna indietro   Ermopoli > Forum > Botteghe > Arte > Letteratura & Poesia

 
 
Strumenti discussione Cerca in questa discussione
Vecchio 11-02-2005, 01.03.51   #1
Shanti
Partecipa agli eventi
 
L'avatar di Shanti
 
Data registrazione: 19-12-2004
Messaggi: 1,350
Predefinito

“C’era una volta un bimbo che credeva di essere un uomo e che, avendo trovato un cannocchiale, si mise ad usarlo. Ma lo prese dalla parte sbagliata, e la sua casa gli parve lontana, lontanissima…”

Uomo, non girare la testa dall’altra parte: so che ti sei riconosciuto. Da quanto tempo cerchi, cerchi di scoprire i segreti della tua memoria… per quanto ancora dovrai cercare?
Hai rovistato la terra, il cielo, il mare, costruirai ponti tra le stelle, raggiungerai con raggi laser i più remoti angoli dell’universo; hai trovato tesori, ed altri ancora ti attendono. Ma che cos’è allora questa follia, questa febbre che ti mette agitazione, che cos’è che stai cercando e non riesci a trovare?

Uomo, conquistatore dell’inutile, ti sei almeno fermato un istante per guardarti? Hai rotto lo specchio, l’acqua dei laghi ormai corrotta ti restituisce solo il fosco riflesso della tua immagine.
Uomo, raccogli i cocci del tuo specchio che credevi di avere gettato via, ma che la speranza che oggi senti agitarsi in te un giorno mise da parte. Guarda te stesso negli occhi, e solleva il velo della tua amnesia: è forse tanto spesso da non poterlo sollevare?
Il tesoro dell’uomo è nell’uomo.
Risali lungo la catena del tempo, cerca nel profondo della memoria, e troverai ciò che ciecamente vai cercando, il vero tesoro che ignori e che ti porti addosso. Ritrova la pelle su cui sta appiccicato, e svuotala dei suoi pregiudizi, delle abitudini, delle pigrizie, degli egoismi. Risali lungo il filo che regge il burattino del tuo involucro e cerca le dita che lo fanno muovere. Sai a chi appartengono?… A te! al solo, all’unico, vero te stesso: il te stesso che avevi dimenticato, quello capace di comprendere ed amare.

Uomo, dirai che sono belle parole, e che la realtà è ben diversa… Ma lo credi davvero? Credi che esseri felici e contenti di come sono e di ciò che hanno farebbero del loro pianeta un’immensa pattumiera, una bomba gigante, un luogo di massacri?
Dirai allora che la colpa è di coloro che governano, e che tu non c’entri. Ma andiamo, sii onesto! Quante volte sei testimone o protagonista di meschinerie, dispute, menzogne? Sono cose quotidiane, e non c’è neanche bisogno di uscire per sperimentarle. E tutto per dei nonnulla, per cose senza importanza… di cui ci si rende conto troppo tardi. Allora come puoi sperare che le nazioni sviluppino una buona intesa quando il singolo individuo riesce a malapena a sopportare il vicino, o l’amico, o il congiunto?
Siamo tutti colpevoli, ecco perché dobbiamo riscuoterci dal nostro torpore, ed ecco perché dobbiamo ritrovare la nostra vera origine. Una volta per tutte guardiamoci in faccia e domandiamoci: “Chi siamo?”.
Shanti non è connesso  
Vecchio 11-02-2005, 01.18.02   #2
Uno
Amministratore
 
L'avatar di Uno
 
Data registrazione: 28-05-2004
Messaggi: 9,695
Predefinito

E' tuo? Comunque sia
Uno non è connesso  
Vecchio 11-02-2005, 21.24.28   #3
Era
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di Era
 
Data registrazione: 29-05-2004
Messaggi: 2,671
Predefinito

meditate gente...meditate!!!!

bella shanti....bellabella
__________________
Dio mi conceda
la serenità di accettare
le cose che non posso cambiare
il coraggio di cambiare
quelle che posso cambiare
e la saggezza
di distinguere tra le une e le altre
Era non è connesso  
Vecchio 12-02-2005, 21.37.45   #4
stellatea
Chiede le Vie
 
L'avatar di stellatea
 
Data registrazione: 21-12-2004
Messaggi: 8
Predefinito

Siamo UNO NESSUNO CENTOMILA

Ciao
stellatea non è connesso  
Vecchio 12-02-2005, 21.50.41   #5
Era
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di Era
 
Data registrazione: 29-05-2004
Messaggi: 2,671
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da stellatea
Siamo UNO NESSUNO CENTOMILA

Ciao
Pirandello?

Sai stella di Pirandello adoro:
"L'uomo dal fiore in bocca"
un monologo che ho visto recitare magnificamente da Gassman

quando ci parlerai di lui?
__________________
Dio mi conceda
la serenità di accettare
le cose che non posso cambiare
il coraggio di cambiare
quelle che posso cambiare
e la saggezza
di distinguere tra le une e le altre
Era non è connesso  
 


Strumenti discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata

Regole di scrittura
Tu non puoi inserire nuovi messaggi
Tu non puoi rispondere ai messaggi
Tu non puoi inviare files
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice vB è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato
Vai al forum

Discussioni simili
Discussione Autore discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
Siamo felici? sitael Psicologia moderna e antica 84 24-08-2006 13.04.07
Cosa realmente siamo Oneinone Esoterismo 68 13-08-2006 12.07.05
Siamo capaci di essere noi stessi? Iside@ Psicologia moderna e antica 8 16-01-2006 23.12.20


Tutti gli orari sono GMT +2. Adesso sono le 20.19.13.




Powered by vBulletin Copyright ©2000 - 2024, Jelsoft Enterprises Ltd.
Questo sito non è, nè può ritenersi assimilabile ad una testata giornalistica, viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità del materiale. Pertanto, non è un prodotto editoriale sottoposto alla disciplina della l. n. 62 del 2001. Il materiale pubblicato è sotto la responsabilità dei rispettivi autori, tutti i diritti sono di Ermopoli.it che incoraggia la diffusione dei contenuti, purchè siano rispettati i seguenti principi: sia citata la fonte, non sia alterato il contenuto e non siano usati a scopo di lucro. P.iva 02268700271